Quanto deve essere gonfiato un kite pump?

Quanto deve essere gonfiato un kite pump?

Questa è una domanda che ci siamo posti tutti quanti, specialmente nelle primissime uscite in kitesurf.

Ascoltare i consigli dei kiters più esperti è sempre un bene ma, in alcuni casi, sono discordanti uno con l’altro.

Si, esistono i manometri ma raramente sono precisi e, soprattutto, si deteriorano in brevissimo tempo; meglio non farci troppo affidamento e imparare a riconoscere da soli la giusta pressione di “gonfiaggio” di un “Kite Pump”.

Approfittiamo quindi di questo video il cui protagonista “Dimitri Maramenides” ci spiega in modo chiaro e semplice come e quanto gonfiare il nostro kite.

Partiamo con il dire che un kite pump offre il massimo delle performance quando viene messo alla giusta pressione, tale da renderlo rigido e non deformabile.

In questo modo però mettiamo leggermente a rischio la struttura soprattutto nelle cadute del kite in acqua, o peggio, a terra.

Quindi Dimitri Maramenides ci regala un ottimo consiglio: i principianti è meglio che tengano la pressione leggermente al di sotto del normale; nelle cadute il kite sarà più al sicuro.

Un altro fattore di estreme importanza è quello che, nei mesi estivi con il sole molto caldo, la pressione all’interno della Leading Edge e Struts tende a crescere per effetto della dilatazione dell’aria dovuto all’aumento di temperatura.

Ricordatevi quindi che, quando il sole scalda molto, la pressione iniziale del kite dovrebbe rimanere leggermente più bassa, si alzerà poi per effetto del calore.

Allora Kiters… Pump it Up

 


Per restare sempre aggiornati sul tema di questo articolo e su tutto quello che circonda il Kitesurf, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e seguire il nostro canale Telegram. Iscrivetevi inoltre al nostro canale YouTube per non perdere i nostri video!


Quanto deve essere gonfiato un kite pump?

Pro Kitesurf Roma – PKR

 

 

facebook
twitter
gplus
instagram
Top